Antichi mestieri e imprenditorialità giovanile

Cultura & Società

 BARI – Approvato ieri in Giunta regionale il finanziamento del progetto “Craft Labs: Residences on the way from products to the Adri-Ionian design”.

Il progetto si propone di rafforzare pratiche di cooperazione culturale e produttiva transfrontaliera fra Italia e Grecia stimolando lo start up di officine creative e recuperando alcuni antichi mestieri mediante l’imprenditorialità giovanile.

A tal fine sono stati individuati quattro settori specifici: terracotta, ceramica, mosaico e tessuto. Le aree di riferimento sono Brindisi, Polignano e Grottaglie per la Puglia, e Corfù, Zante e Itaca per la Grecia.

Capofila del progetto è la Fondazione Museo “Pino Pascali” di Polignano.

L’iniziativa nasce dall’idea di rafforzare l’attrattività dei territori coinvolti. Saranno realizzate sei postazioni nelle quali saranno allestiti appositi atelier che garantiranno durante la durata dell’intervento – prevista in 24 mesi –  la progettazione e la realizzazione di laboratori itineranti per giovani artisti e designer.

Come si vede, la Delibera intende raggiungere anche la finalità di promuovere gli antichi mestieri attraverso l’imprenditorialità giovanile, creando opportunità di lavoro nei settori artigianali oggetto di interesse. L’intervento va a incidere su due principali ambiti di riferimento: le arti manuali ed i mestieri tradizionali, che acquisiscono in tal modo nuova linfa grazie al contributo della tecnologia e del design.

Come Assessore allo Sviluppo, esprimo grande soddisfazione per questo progetto, che offre l’opportunità di coniugare il valore del recupero di antiche tradizioni artistiche (come ad esempio quella della ceramica a Grottaglie), che altrimenti rischierebbero di andare perdute, con quello dell’incentivazione dell’imprenditoria giovanile.