Ritagliarsi un lavoro in montagna

Ambiente & Turismo

Si concluderà con una tavola rotonda dal titolo “Il futuro della montagna, buone prassi” il ciclo di appuntamenti di “Molte fedi sotto lo stesso cielo” in Alta Valle Seriana, promosso dalle Acli e dalla parrocchie dell’Alta Valle Seriana.

Gli incontri, iniziati lo scorso venerdì 19 ottobre, hanno affrontato tematiche di natura economica legate al vivere in montagna. Con il primo incontro, a Clusone è intervenuto il sociologo Albino Gusmeroli; mentre mercoledì 7 novembre a Villa d’Ogna, al Teatro Forzenigo, hanno portato la loro esperienza sul modello delle cooperativa di comunità Giovanni Tenenghi, esperto del mondo cooperativo e Beppe Guerini, Presidente di Confcooperative.

Domani sera a Villa d’Ogna, presso il salone dell’oratorio, alle ore 20.30, interverranno diverse persone: Valentina Castelli che a Gromo realizza confetture, Alessandra Olivari nel mondo dell’ospitalità in Alta Valle Seriana, Massimo Balduzzi nel settore della produzione agricola\rurale a Clusone e un rappresentante di una realtà di Tezzi di Gandellino che produce miele e piccoli frutti.

«Si tratta di quattro realtà giovani – spiega don Ivan Alberti, parroco di Gromo – che negli ultimi anni hanno intrapreso qualcosa di innovativo sfruttando le possibilità che offre il nostro territorio. Le loro esperienze ci parlano di opportunità che, magari non permettono di diventare milionari, ma consentono di restare in Alta Valle vivendo le proprie passioni».