Anche a Gravina celebrata la Giornata del Ringraziamento

Eventi & Spettacoli

GRAVINA IN PUGLIA – Promossa dai fedeli alle buone tradizioni, coordinati da Franco Nacucchi
Si sono riunti a Gravina, i fedeli alle buone tradizioni, coordinati da Franco Nacucchi, per la “68a Giornata del Ringraziamento 2018″ nella Chiesa Mater Ecclesiae – San Matteo di Gravina in Puglia, dove è stata celebrata la S Messa dal Vice Parroco Don Giacomo Lorusso, con la partecipazione del Parroco don Pasquale Settembre. Durante la celebrazione eucaristica il Vice Parroco , ha evidenziato il messaggio CEI e di Papa Francesco ai Vescovi, per la 68a Giornata del Ringraziamento ” impegno costante a programmare un’agricoltura sostenibile e diversificata ” , i processi di omologazione globale dei mercati agroalimentari hanno mortificato quel contributo delle diversità culturali che, se ben indirizzato e nel rispetto dei diversi patrimoni, avrebbe contribuito a determinare una inclusione partecipata, sussidiaria e solidale dei popoli nell’unica famiglia umana. Ha concluso, dicendo, quando la scrittura parla di creato, lo fa sempre con un tono di ammirato stupore per la varietà delle creature che vivono in essa. Dio benedica la bontà di questa vita plurale e differenziata: ” E’ la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie, e albero che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona ” E’ dello stesso stupore risuona il Cantico delle Creature di San Francesco d’Assisi. ” Laudato si, mi Signore, per sora nostra matre terra, la quale ne sustema et governa, et produce diversi fructi con coloriti fiori et erba”

I fedeli alle buone tradizioni, sono stati sempre impegnati ad organizzare la Giornata del Ringraziamento , per lodare Dio della bontà che ci nutre con i suoi doni, ” frutti della terra e del lavoro dell’uomo” , Don Giacomo Lorusso, ha evidenziato che la Festa del Ringraziamento, viene da lontano ed ha le sue origini in Italia nel 1951 per iniziativa della Coldiretti . Viene riproposta nel periodo che va dalla festa di San Martino ( 11 Novembre ) a quella di sant’Antonio abate ( 17 Gennaio ). Nel 1973 con la pubblicazione del documento pastorale ” La Chiesa e il mondo rurale” i Vescovi italiani hanno assunto questa giornata come occasione opportuna di riflessione ed evangelizzazione dell’intera Chiesa locale. Si curi la Giornata del Ringraziamento in modo da renderla significativa per l’intera Chiesa in particolare, oltre che occasione propizia per l’evangelizzazione del mondo rurale” Nel 2005 la Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, ha ritenuto opportuno aggiornare il documento del 1973 con la nota ” Frutto della terra e del lavoro dell’uomo. Mondo rurale che cambia e Chiesa in Italia. Dal 1999 sulla scia del grande evento del Giubileo del mondo agricoli, l’Ufficio Nazionale CEI per i problemi sociali e il lavoro coordina e programma questa giornata in collaborazione con le associazioni di ispirazione cristiana che operano nel mondo rurale e quelle di ispirazione cristiana a livello culturale.

Durante la S: Messa sono stati offerti dei prodotti agricoli, del territorio, fra cui molti prodotti biologici di produttori di Gravina e di aziende agrituristiche, in segno di riconoscenza verso il Signore e con la speranza di un’agricoltura sempre più progredita per il benessere del mondo rurale, del mondo artigianale e dello sviluppo economico e sociale.

Il Vice Parroco, don Giacomo Lorusso, ha ringraziato i fedeli alle buone tradizioni, coordinati da Franco Nacucchi, per la continua organizzazione della giornata del Ringraziamento e i produttori per l’offerta dei doni, presentati all’italiana, in vassoi particolari, quindi olio per il colore verde, vino bianco verdeca e pasta bianca, per il bianco, salsa casereccia, pomodori, peperoni e vino rosso per il rosso, oltre a diversi ortaggi, funghi gravinesi e altri prodotti , come il pane, taralli e diversi prodotti agroalimentari biologici del territorio di Gravina e di Altamura.
Dopo la S Messa, il Parroco don Pasquale Settembre con il Vice Parroco don Giacomo Lorusso, hanno benedetto i prodotti e attrezzi agricoli ed artigianali presso il frantoio ” Losacco “, ringraziando il Signore per la buona raccolta dei prodotti agricoli ed in particolare delle olive del nostro territorio, che vengano molite direttamente con la presenza dei produttori presso i vari oleifici, così come si faceva una volta anche per il grano trasformato nei vari mulini direttamente, dal produttore al consumatore, con l’ impegno di ottenere prodotti sempre di una maggiore qualità ed evitare il consumo di alcuni prodotti provenienti dall’estero, alcune volte di scarsa qualità., i produttori partecipanti, gli operatori agrituristici rappresentati da Michele Capone Spalluti, gli olivicoltori da Filippo Fiore, i cerealicoltori da Antonio Cannito , con alcuni allevatori e altri operatori agricoli e artigianali, hanno auspicato maggiori controlli visto il continuo aumento di prodotti importati dall’estero; Grano, dal Canadà, USA, Ungheria; Olio dalla Spagna e dalla Grecia, Latte dalla Germania, Carne dalla Francia; si auspica maggiori controlli per il rispetto del made in italy, Fra i presenti, autorità civile e militare, l’assessore comunale avv. Raffaele Lorusso e Stefano Valente della Cisl Pensionati. La cerimonia si è conclusa assaggiando delle bruschette, anche qui rispettando il tricolore, con olio verde, bruschette bianche e pomodorini rossi .

Franco Nacucchi