“Occhi di bambola” 

Cultura & Società

Presentazione della fiaba di Maria Addamiano a cura di Jole De Pinto organizzata dall’Aneb di Molfetta. Mercoledì 7 novembre presso il carro dei comici.

Sono trascorsi già due anni da quando l’ANEB (Associazione Nazionale Educatori Benemeriti) ha intrapreso un laboratorio di lettura espressiva sotto la guida del Dr. Zaccaria Gallo al fine di favorire – anche tra persone di una certa età quali sono i Soci ANEB –  la promozione di una lettura emotiva, motivata e commentata di brani poetici e letterari di vari autori moderni e classici. In tal senso l’ANEB  ha aderito al progetto del Comune di Molfetta denominato “Patto per la lettura”.

Ed è in questo contesto che si inserisce l’iniziativa dell’ANEB di organizzare una serata culturale in cui sarà presentato al pubblico l’ultimo lavoro  dal titolo “Occhi di Bambola” di Maria Addamiano, un’artista versatile che non solo realizza dipinti e sculture che personalizza e rende originali, ma racconta anche – con freschezza ed eleganza –  storie e fiabe e compone persino poesie, facendo una lettura attenta dell’animo umano e della bellezza infinita della Natura.

La presentazione della fiaba “Occhi di Bambola” sarà realizzata a cura della poetessa Jole de Pinto presso il Teatro dei Comici in Via Giovine n.23 a Molfetta mercoledì 7 novembre alle ore 18,30. Alla manifestazione interverra’ Maria Bonaduce, che ha curato la parte pittorica della fiaba, artista notevole come ritrattista e paesaggista che  padroneggia la tecnica dell’acquerello e che da diversi anni si dedica all’Arte Sacra con dipinti e vetrate istoriate che si trovano in monasteri, chiese e luoghi pubblici. Le sue opere ricevono importanti consensi internazionali.

La lettura di alcuni brani del libro “Occhi di bambola” sarà affidata all’attore Francesco Tammacco accompagnato alla chitarra da Pantaleo Annese.

La protagonista della fiaba “Occhi di bambola” è una bambina che  vive situazioni di grande disagio nello squallore della casa-famiglia in attesa di adozione, sormontato dall’incalzante bisogno di essere una bambina felice, amata.