Missione in Iraq: continuano i corsi di polizia dei carabinieri

Cultura & Società

BAGHDAD (Iraq) – La Police Task Force-Iraq, guidata dall’ Arma dei Carabinieri ed inquadrata nella missione “Operation Inherent Resolve – Prima Parthica”, prosegue nella conduzione di attività addestrative a supporto delle forze di polizia irachene e curde, fornendo ausilio nella complessa transizione da assetti impiegati in operazioni militari ad agenzie di sicurezza poste a presidio della legalità ed a tutela dei cittadini.

Nei giorni scorsi, infatti, presso la Iraqi Federal Police Special Training School di Bagdad, si sono conclusi con successo il 17° corso Law & Order, il 19° Crowd & Riot Control e il 13° corso Cultural Heritage Protection, tenuti dal personale dell’Arma dei Carabinieri che, nell’ambito dell’operazione “Inherent Resolve – Prima Parthica” e con la partecipazione di numerosi partners internazionali (Polizie del Canada, Repubblica Ceca, Finlandia e Svezia), ha il compito di fornire assistenza alle forze di polizia irachene, svolgendo attività di addestramento e mentoring nella fase cruciale di lotta a Daesh. In particolare i 32 frequentatori del Cultural Heritage Protection course, molti dei quali già esperti di settore, hanno acquisito ulteriori fondamentali nozioni per le investigazioni in tale ambito e soprattutto per quanto concerne la condivisione informativa ed il contrasto alle attività di scavo clandestino e al commercio illegale di reperti archeologici. L’interesse e la sensibilità in questo settore è tale che da gennaio di quest’anno un team di Carabinieri di “addestramento e consulenza in tema di tutela del patrimonio culturale” è schierato, con compiti di consulenza e addestramento, presso le sedi UNESCO di Baghdad ed Erbil. 

In totale, grazie a questi ultimi 3 corsi, sono stati addestrati 432 iracheni appartenenti alle diverse forze di polizia ricevendo una formazione specifica nelle procedure di intervento di polizia (controllo del territorio, uso calibrato della forza secondo un’escalation di proporzionalità alla minaccia, tecnica di arresto e di ammanettamento e uso delle armi non letali), sul codice etico e di condotta del poliziotto verso le Istituzioni pubbliche e la società civile con l’applicazione di standard del diritto internazionale umanitario.

Nella sede di Erbil, inoltre, si è concluso il 4° corso Police Female Officer condotto dalla Task Unit Carabinieri, rinforzata da personale femminile dell’Arma, a favore di 24 operatrici delle diverse forze di polizia della Regione Autonoma del Kurdistan. Durante il modulo sono state approfondite tematiche inerenti alla tutela dei diritti umani ed al trattamento delle vittime di violenze domestiche. Le partecipanti sono state coinvolte in attività pratiche nelle quali hanno sperimentato le tecniche di maneggio delle armi, perquisizioni personali, veicolari e tecniche di immobilizzazione.

La formazione delle Forze di Polizia irachene rappresenta oggi la priorità della Coalizione internazionale e testimonia, nell’ambito della missione in Iraq Inherent Resolve, lo sforzo compiuto dalle Forze Armate italiane per la sconfitta di ISIS. Il contributo italiano si sostanzia nell’operazione Prima Parthica e prevede lo schieramento di 1100 militari suddivisi tra assetti Esercito, Aeronautica ed Arma dei Carabinieri.  La Police Task Force – Iraq è schierata a Baghdad dal 2015 ed ha sinora addestrato, oltre 22.000 poliziotti iracheni e curdi, contribuendo in maniera determinante al processo di normalizzazione dell’Iraq.