Gestione cinghiali: il Parco dell’Alta Murgia incontra il Prefetto della BAT

Ambiente & Turismo

A seguito della richiesta fatta a settembre, il vicepresidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, Cesare Troia ha incontrato, questa mattina, il Prefetto di Barletta Andria Trani, dott. Emilio Dario Sensi per fare il punto sulla situazione per quanto riguarda la gestione dei cinghiali sull’intero territorio, soprattutto per quanto riguarda la viabilità stradale.

Un incontro costruttivo in cui l’Ente Parco ha sottoposto al Prefetto le principali problematiche derivanti dalla massiccia presenza di ungulati sul territorio (dall’incolumità sulle strade ai danni per l’agricoltura) proponendo anche soluzioni e provvedimenti da prendere per porre un argine al fenomeno: la cattura attraverso l’installazione di gabbie di grandi dimensioni, l’apposizione di cartelli per interdire l’accesso affinché le operazioni di cattura possano svolgersi nel modo più tranquillo e sicuro possibile, l’apposizione di limiti di velocità, indicatori luminosi e tutti gli strumenti che avvisino del pericolo sulle strade.

I suggerimenti, positivamente accolti dal Prefetto Sensi, verranno formalizzati dall’Ente Parco che ha ottenuto, oggi, la disponibilità ad accoglierli da parte del Prefetto stesso, in una sinergia d’intenti che, evidenzia il vicepresidente Troia, «ci vuole sinergia tra le diverse Istituzioni per raggiungere i risultati. Finora l’unica azione di contrasto ai cinghiali è stata posta in essere dal Parco. L’Ente è ancora una volta in prima linea per la difesa dell’incolumità delle persone e il contenimento della specie. Ringraziamo il Prefetto Sensi per la disponibilità mostrata e restiamo in attesa della chiamata da parte del Prefetto di Bari, Marilisa Magno, per poter condividere anche con lei le nostre istanze e pensare a un tavolo unico di concertazione per la soluzione del problema».

Inoltre, il vicepresidente si è fatto carico di sottolineare le numerose rapine che avvengono ai danni degli ambulanti lungo il percorso all’interno del Parco.

Il Prefetto Sensi ha preso atto di quanto segnalato dal vicepresidente Troia, garantendo la massima disponibilità da parte della Prefettura a coordinare i soggetti istituzionali a vario titolo interessati alla problematica (Forze di Polizia, Regione, Comuni, enti proprietari delle strade e lo stesso Parco), affinché si possa adottare una strategia comune per contrastare il fenomeno, con l’obiettivo di tutelare l’incolumità degli automobilisti, le produzioni agricole e l’ambiente circostante.