Liviano: “Filiera della nautica, incontro al Ministero della Difesa”

Ambiente & Turismo

TARANTO – Su sollecitazione del vice presidente della provincia Raffaele Gentile, si è svolto oggi a Roma, presso la task force del ministero della Difesa presieduta dal generale Gambardella, un incontro finalizzato al reperimento di un immobile destinato ad essere sede a Taranto dell’istituto nautico e dell’intera filiera formativa del mare. All’incontro hanno partecipato oltre alle forze armate rappresentative di Aeronautica militare e della Marina militare, il consigliere regionale Gianni Liviano, la parlamentare grillina Alssandra Ermellino, il vicepresidente della provincia Raffaele Gentile, la preside della scuola Archimede dr.ssa Patrizia Capobianco, unitamente al prof. Trovato docente della stessa scuola.
Al termine dell’incontro Aeronautica militare ha messo a disposizione del progetto una struttura del comprensorio “Scuola volontari dell’A.m. Svam Idroscalo Bologna” con una capienza di 13.000.mq complessivi. Le parti hanno concordato di reincontrarsi, coordinate dal generale Gambardella, al fine di sottoscrivere un protocollo d’intesa che veda protagonisti, oltre agli enti presenti all’incontro di oggi, anche l’agenzia del Demanio.
“Desidero ringraziare tutti e in particolare il vicepresidente della provincia Gentile e il generale Gambardella per l’impegno profuso”, commenta il consigliere Liviano che aggiunge: “Una scommessa imprescindibile per la città è investire nel futuro, rafforzare l’offerta formativa e renderla coerente con la vocazione naturale della città e con le possibilità occupazionale. Taranto è una città di mare e non può non avere una forte filiera formativa legata al mare. La Regione Puglia, per mio tramite, ha investito 600mila euro per raggiungere questo obiettivo ma i soldi vanno liquidati entro il 31 dicembre e quindi abbiamo una grande urgenza di trovare un contenitore adeguato che in verità inseguiamo da tempo. In ogni caso, nelle more dell’assegnazione dell’immobile sito presso l’idroscalo Bologna, – conclude Liviano – rimane il bisogno immediato della scuola Archimede di una struttura dove valorizzare temporaneamente la proposta nautica e quindi confido nella sensibilità dell’amministrazione comunale perché si faccia carico di questo”.