Prima gli italiani e la disinformazione

Cultura & Società

Sulla pagina Facebook Prima gli italiani: padroni a casa nostra è apparso un video, questo: http://www.butac.it/wp-content/uploads/2018/09/41626827_264452460845422_6022220111902806844_n.mp4?_=1

Si tratta di una violenta aggressione filmata in bassa qualità. Si vedono dei ragazzi che picchiano qualcuno nascosto dai loro stessi corpi, il tutto sull’uscita laterale di un autobus.

La didascalia con cui viene condiviso da Prima gli italiani recita:

PROFUGHI FERMANO IL BUS E AGGREDISCONO AUTISTA
Momenti di alta integrazione ieri sulla linea per Castellino: scendono dal bus, lo fermano e massacrano l’autista.

Gli articoli della zona raccontano una storia diversa

Una lite violenta fra tre migranti è scoppiata ieri pomeriggio sulla Statale 87. Il diverbio è iniziato tra le poltrone del pullman e si è trascinata fino a quando l’autista ha fermato il mezzo sulla strada grosso modo all’altezza dello scalo ferroviario di Montagano. A quel punto il più violento dei tre ragazzi ha scaraventato a terra un altro continuando a picchiarlo sotto lo sguardo severo del suo ‘compare’. Due contro uno, insomma.

Nessun attacco gratuito all’autista, ma una rissa tra connazionali per motivi non chiariti. Sia chiaro, la violenza è sempre ingiustificabile, ma non abbiamo la più pallida idea di cosa sia successo. Raccontare la trama che ci è più congeniale non è fare informazione. Appare chiaro lo scopo di una pagina social come quella: indignare spiriti già infuocati e spingerli a gesti come quelli che abbiamo già visto accadere. Ha senso? Siamo sicuri? White supremacy anche da noi?

Leggere i commenti che accompagnano il video sulla pagina FB di PgI credo andrebbe fatto nelle scuole, potrebbe essere istruttivo.

maicolengel at butac