HEROES Meet In Maratea 2018

Ambiente & Turismo

Una piccola Davos sul Mediterraneo per vivere l’economia e l’impresa con Yancey Strickler, Oscar Farinetti e più di 1200 imprenditori da tutta Italia

Una città ideale in cui l’innovazione è la veste del quotidiano, in cui la tecnologia è la voce del futuro. Il nostro sogno si chiama Heroes Meet in Maratea ed è lo stesso di altre 1200 persone che si riuniscono al Sud Italia per celebrare le migliori idee d’impresa. Un sogno che da tre anni ritorna, al finire dell’estate, a Maratea, affermandosi come una delle realtà più all’avanguardia del bacino euro-mediterraneo. Dal 20 al 22 settembre in quella che viene definita “la perla del Tirreno”, Heroes Meet in Maratea accoglierà i più ispirati eroi del nostro tempo: leader d’impresa, business angels, investitori, intellettuali, creativi, manager e alcune delle startup più interessanti del panorama internazionale. Un appuntamento imperdibile per chi, in Italia, vuole costruire nuove relazioni di business, lanciare o innovare la propria impresa, in un’atmosfera informale e in un contesto naturalistico che lascia senza fiato.

150 speaker da tutto il mondo e 100 eventi, sono i numeri della precedente edizione di Heroes che non smette di sorprendere. Quest’anno l’evento più atteso dell’estate marateota darà vita a una città ideale dove discutere di cryptovalute e blockchain, pagare in bitcoin e mettere a punto una rivoluzione finanziaria. Tra laboratorio del fintech e festival dell’economia, Heroes Meet in Maratea si trasforma per la sua terza edizione in una piccola Davos sul Mediterraneo nell’obiettivo di ridefinire l’agenda politica, economica e globale. “Money” è il controverso tema che diventerà il filo rosso del festival. A Heroes, proveremo a leggerlo da un punto di vista multiforme e coinvolgente, pratico ed eccentrico. Parleremo di sistemi economici, di futuro, di quale mondo stiamo costruendo e se lo stiamo facendo consapevolmente. Ma anche di investimenti, borsa, crowdfunding ed economia sostenibile, di vecchie ricchezze e nuove povertà, dell’impatto della tecnologia sulla produzione e di come tutto questo cambierà per sempre la nostra vita e la geografia delle città.

Tra palchi vista mare, incontri in barca e tavole rotonde in spiaggia, i partecipanti di Heroes avranno la possibilità di confrontarsi con alcune delle più grandi personalità del nostro tempo. Tra i tanti ospiti, siamo onorati di accogliere Yancey Strickler, fondatore di Kickstarter, la più grande piattaforma di crowdfunding al mondo, che ha finanziato oltre 150.000 progetti, coinvolgendo più di 15 milioni di persone; Bob Dorf, uno dei più autorevoli esperti al mondo di customer development, co-autore del bestseller “Startupper”; John Biggs, scrittore ed editorialista statunitense di riviste come il New York Times, Popular Science, etc.. Tra gli ospiti italiani Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e Fico, Fabio Cannavale, fondatore di Edreams e Volagratis, oggi CEO di Lastminute.com, da poco  incoronato business angel dell’anno dal Club degli Investitori, e poi ancora Paolo Tasca, economista specializzato in blockchain, Paolo Sironi, membro di IBM Industry Academy, e tanti altri si aggiungeranno nei prossimi giorni per contribuire a rendere unica l’esperienza dei partecipanti ad Heroes.

In un mare di conferenze, panel, tavoli di discussione, workshop e sfide tra startup che si concluderanno nell’avvincente competizione “StartUp a Tavola”, con un primo premio da 30.000 euro, Heroes 2018 si trasforma in un’inedita città dell’economia. Chi vede Heroes, parte solo per poi ritornarci.

“Money, it’s a crime
share it fairly, but don’t take a slice of my pie
Money, so they say
is the root of all evil today”
Pink Floyd, Money