Truffe online

Cultura & Società

La frode dei finti messaggi per gli account email in scadenza rilanciata dalla Polizia Postale. Lo “Sportello dei Diritti”: gli account di posta elettronica non scadono. Non cliccate il link

Far entrare nel panico gli utenti della rete per poter sottrarre dati personali o bancari, o introdursi abusivamente nei nostri dispositivi, è il modo più semplice per realizzare i propri intenti criminali da parte di hacker e truffatori telematici. E la perdita improvvisa ed irreversibile del proprio account di posta elettronica, crea senz’altro allarme e induce a scelte repentine e non sempre ponderate, come quella di cliccare su un link creato ad hoc che attraverso un messaggino c’invita a seguire delle istruzioni apparentemente banali dietro alle quali, invece, si nasconde sempre un criminale telematico. A segnalarci questo tipo di frode è ancora una volta la Polizia Postale con un post sulla propria pagina Facebook “Commissariato di PS Online – Italia” con tanto di screenshot con uno dei tipici messaggi che ci comunicano falsamente che il nostro account email è scaduto e richiede un nostro intervento attraverso un semplice click su un link. Nulla di più falso! Ribadisce Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”!  I nostri account di posta elettronica, come ricorda la Polizia Postale, non scadono, almeno quelli relativi a caselle email gratuite. È, quindi, sufficiente ignorare questi messaggi e cancellarli dai nostri dispositivi per non cadere nella trappola. Nel caso siate comunque incappati in una frode di questo tipo potrete rivolgersi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@ sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.