“Una giornata di libertà” per don Mauro Leonardi

Cultura & Società

Mi spiace per Susanna e per il suo creatore che è un caro amico, ma il romanzo “Una giornata di Susanna” (Cooper) a me non è piaciuto per niente. Del resto, con un amico bisogna essere sinceri, e se non mi è piaciuto non posso mettermi a fare le lodi del libro, come magari avrà fatto qualche altro suo amico.

Può succedere, eh! Vi ho trovato diversi difetti che non starò ad elencare, anche perché non sono un critico letterario e potrei sbagliarmi. Anzi, sicuramente mi sbaglierò. Magari sarà un bellissimo romanzo che solo a me non piace, e quelli che a me appaiono difetti, in realtà saranno grandi pregi.  Un pregio, però, lo riconosco anch’io; la prosa scorrevole, sciolta, un torrente che scorre libero, senza ostacoli. Non ho trovato gradevole il sapore dell’acqua. Non mi è piaciuto il romanzo, ma l’ho letto con interesse. Sì, perché l’amico scrittore è un prete, e man mano che sono andato avanti nella lettura, mi sono reso conto di cosa abbia significato per lui scrivere la storia di Susanna. Si è sentito libero. La scrittura gli ha dato la libertà, libertà di pensare e di esprimere il proprio pensiero.

L’amico prete ha avuto persino la possibilità di scrivere tante parolacce. Un sacerdote non dice pubblicamente parolacce, gliene può scappare una, magari parlando con amici, ma non può riempirsi la bocca di parolacce. Bene, don Mauro Leonardi condisce il suo romanzo con moltissime parolacce, facendole dire persino a persone che nella vita reale, per la professione che svolgono, difficilmente pronunciano parole volgari. In realtà, le parolacce non sono tante, è una sola, ripetuta moltissime volte. Ovviamente non sono state le parolacce a farmi giudicare bruttino il romanzo, sebbene, si sa, il troppo stroppi, “e, quando eccede, cangiata in vizio ogni virtù si vede”. Tornando alla libertà di pensare: un prete non può pubblicamente giustificare un amore al di fuori del matrimonio, ma è evidente che il narratore giustifica Susanna e guarda con simpatia alla sua relazione adulterina. Ecco perché ho letto con interesse il libro. Don Mauro Leonardi, scrivendo, ha avuto la possibilità di liberarsi della tonaca senza stonacarsi. E non è cosa da poco.