Musica napoletana e cucina tarantina a Leporano

Ambiente & Turismo

Nella piccola e graziosa Leporano (Ta), si replica dopo il successo ottenuto la sera del 28 luglio, in un’accoppiata vincente tra arte musicale e quella di cucinare, presso il ristorante l’Antico Frantoio.

Si esibirà  il Rua Katalana Quartet in ‘O KUNCERTINO, piccolo viaggio nell’ in..Canto Napoletano, la sera del 25 agosto.

Il Rua Katalana Quartet, è nato dall’incontro di quattro amici musicisti con varie e singole esperienze decennali di diversi stili e generi musicali e con la comune passione per la canzone classica e moderna napoletana: Emanuele De Vittorio (primo Mandolino/Percussioni), Antonio Palmisano (secondo Mandolino/Mandoloncello/Chitarra), Pino Magaldi (Chitarra Classica) e Franco Bello (voce).

Il quattro  musicisti vantano un’esperienza concertistica di ampio raggio, con esecuzioni rigorosamente live.

Si sono esibiti in piazze, locali, teatri e prestigiose sedi in tutta Italia e all’estero sia come gruppo che come solisti o come componenti di altre formazioni musicali.

Più volte sono stati ospiti di programmi televisivi della Rai, di Mediaset, di Telenorba, ed altre emittenti televisive e radiofoniche locali, con successo.

Consapevolmente mossi dalla voglia di divulgare un repertorio specifico, questa formazione, si presenta come un tipico  quartetto napoletano, diffondendone le sonorità di una magnifica voce, e dei dolci suoni di strumenti tipici della musica partenopea (mandolino, mandoloncello e chitarra classica) creando così un’ interpretazione originale.

Il quartetto proporrà in forma di concerto tra i più famosi e grandi successi internazionali della canzone partenopea, come Torna a Surriento, Era de maggio, Napul’ è, Funiculì Funiculà, Don Raffaè…e tante altre.

Dopo essersi esibiti il 29 luglio al MED Festival PUGLIA a San Marzano di S.G. e alla Sagra dell’orecchietta – Profumi d’estate il 16 agosto, sempre a Leporano, si riesibiscono nel ristorante L’Antico Frantoio dello chef Nicola Altavilla, riferimento della cucina della tradizione di qualità, una vera calamita gastronomica.

Nicola Altavilla, cuoco della tradizione tarantina, è reduce dalla vittoria trionfale in Germania del concorso finale itinerante del Festival della Cozza Tarantina del patron  Cosimo Lardiello presidente del Centro di Cultura Renoir, del 2 maggio scorso presso l’Italy-Restaurants und Gaststätten – Johann Sebastian Bach – Str. 23 – Geretsried, dove ha strappato applausi.  Al termine, al ritiro e al conteggio delle copiose schede votate è risultato vincitore con 177 voti e con il piatto Calamarata su pesto di rape con cozze tarantine, pomodorini datterini e scaglie di pecorino.

Quindi andare a degustare il suo piatto di paccheri, cozze e pecorino su pesto di rape o altre sue chicche o di sua moglie Maria, che collabora con lui nell’Antico Frantoio, è un’esperienza da fare, per il trionfo del palato, vivendo la storia della cucina tarantina.

La città di Taranto ha una cucina molto ricca che consente di preparare dei piatti molto gustosi sia a base di mare che utilizzando i prodotti locali della terra.

Nel ristorante l’Antico Frantoio, quindi si troveranno antipasti ricchi  e abbondanti di terra e di mare, primi gustosi e ben impiattati,  ma anche ottime semplici patatine fritte caserecce,  oltre che la frittura di mare e la scelta dei vini.

Nicola Altavilla e i suoi collaboratori, sono una bella realtà emozionale di lavoro, passione e successo. Dalla piccola originaria trattoria, hanno raggiunto qualità e notorietà solide, che permette di mangiare bene e stare insieme a tanta bella gente, ed ora anche di inebriarsi con della buona musica.

Vito Piepoli