Media e migrazione

Cultura & Società

Le politiche dell’immigrazione, cronaca e asilo al centro delle notizie sull’immigrazione

Nell’ultimo trimestre 2017 la copertura mediatica nei quotidiani cartacei sui temi dell’immigrazione vede le politiche dell’immigrazione presenti in 1079 articoli, poco spazio per economia, lavoro e cultura

Le prime tre voci nella rassegna stampa sul tema immigrazione rientrano in politiche migratorie, cronaca e asilo, con il 73%. È quanto rilevato nell’ambito dell’elaborazione dei dati della rassegna stampa Carta di Roma da ottobre a dicembre.

Rispetto al trimestre precedente (da luglio a settembre 2017) si assiste quindi a un calo della visibilità del tema migrazioni rispetto al trimestre precedente, che aveva registrato un picco di notizie (6.059). L’attenzione al tema nell’ultimo trimestre del 2017 si allinea con quella dell’anno precedente (3.228 nell’ultimo semestre del 2016).

Nel 2017 , rispetto al 2016, sono aumentate del 9% le notizie sull’immigrazione nella stampa nazionale e locale. Inoltre, ad essere protagonista nel 2017 è stato il tema delle politiche dell’immigrazione mentre nel 2016 era la cronaca.

Trova spazio con 99 articoli anche il tema del razzismo, in particolare in relazione a fatti quali la minaccia a Como da parte di un gruppo di skinheads ai danni di un’associazione impegnata nell’accoglienza di migranti, le ronde e la “scuola di razzismo” promosse da Forza Nuova sono eventi ripresi da molti quotidiani. Episodi che diventano occasione di stigmatizzazione e di critica in numerosi editoriali.

Risultano marginali, in linea con le rilevazioni precedenti, le notizie dedicate alle vie legali e sicure. È tuttavia interessante rilevare che la questione dei corridoi umanitari sebbene presente, è centrale e tematizzata in modo esplicito in soli 27 articoli, in tutti gli altri casi si tratta di semplici citazioni.

Infine, la terminologia utilizzata per parlare delle persone che giungono con gli attuali flussi in Italia in Europa attraverso il Mediterraneo e la rotta balcanica vede al primo posto, nei titoli, migranti (presente in 537 titoli), profughi (257), rifugiati (64) e infine l’erroneo clandestini (25).