“Campanile: creazioni della fantasia e invenzioni letterarie”

Cultura & Società

Gaetano Campanile e Rocco Della Corte i curatori scientifici della Mostra

Curatori scientifici il figlio dell’autore, Gaetano Campanile, e Rocco Della Corte, studioso e giornalista; supervisori gli studiosi e biografi ufficiali dello scrittore Silvio Moretti e Angelo Cannatà. La mostra sarà patrocinata dal MIBACT e sarà allestita nella Sala degli Affreschi della Casa delle Culture e della Musica di Velletri.

Sarà, come già accaduto nella precedente edizione, la costante dell’intera rassegna nazionale di teatro e letteratura “Campaniliana”: torna, alla Casa delle Culture e della Musica di Velletri, la Mostra fotografica e documentaria sullo scrittore e giornalista Achille Campanile.  Rispetto alla prima edizione, però, sono molte le novità che i fruitori troveranno esposte nell’allestimento previsto nella meravigliosa Sala degli Affreschi, dal 20 al 28 ottobre. Se il convegno di apertura, che sarà presieduto dal critico letterario Arnaldo Colasanti, vedrà i relatori (di cui presto saranno svelati i nomi) occuparsi del Campanile critico televisivo, anche la Mostra (con ingresso gratuito) avrà dei settori più specifici.

Al lavoro sul materiale da esporre per “La critica televisiva di Achille Campanile: creazioni della fantasia e invenzioni letterarie”, uno dei titoli assegnati alla mostra e tratto in parte da una citazione apparsa sull’«Europeo» nel 1975, Gaetano Campanile e Rocco Della Corte, i due curatori scientifici. Non mancherà la supervisione e la collaborazione di Silvio Moretti e Angelo Cannatà, che per primi hanno organizzato, quasi annualmente, mostre su Achille Campanile in tutta Italia e tengono in vita un sito importantissimo dal punto di vista letterario e di testimonianza, www.campanile.it. Cannatà e Moretti daranno il loro contributo, forti di un’esperienza da biografi dello scrittore romano (andato alle stampe, lo scorso anno a loro cura, il libro di inediti e dispersi Grazie, Arcavolo per le edizioni Aragno) che li ha portati a conoscere molti aspetti dell’autore vissuto fra Velletri e Lariano.  “Stiamo lavorando” – ha dichiarato Rocco Della Corte, laureato in Lettere e Filologia alla Sapienza Università di Roma e tra i curatori della Mostra – “per un allestimento interessante e affascinante. Saranno presenti diverse lettere, visti i carteggi che Campanile ha mantenuto con molti attori e registi. Non mancheranno gli articoli della rivista ‘Europeo’, su cui lo scrittore teneva una rubrica settimanale occupandosi dei fatti di attualità, gli autografi, le cartoline e i bozzetti su cui erano appuntate idee, personaggi, pezzi di racconti. I visitatori potranno poi entrare in un’area multimediale, nella quale oltre ad articoli e documenti digitalizzati saranno visibili video d’epoca con Campanile in persona alle prese con Totò, Silone… Stiamo inoltre reperendo” – ha concluso Della Corte “tutte le prime edizioni delle opere campaniliane per esporle e dare la cifra, anche visiva, della gran mole di lavoro pubblicata dallo scrittore. Del resto il patrocinio ottenuto dal MIBACT, prestigioso riconoscimento, ci impone di fare un lavoro superlativo”. Il disegno della Mostra – che vedrà al centro dell’esposizione gli oggetti personali e proverbiali di Campanile quali il monocolo, il cappello, il bastone e la macchina per scrivere – è già al vaglio del Comitato Scientifico e dall’organizzazione, composta dalla Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura diretta dal Maestro Claudio Micheli (che ha indetto anche il Premio Nazionale Teatrale, presieduto da Arnaldo Colasanti, cui sono pervenuti ben 87 copioni) e dell’Associazione Memoria ‘900, presieduta dallo stesso figlio dello scrittore Gaetano Campanile.

Parte insostituibile, ovviamente, ha il Fondo Campanile, su cui sta lavorando la Sapienza nelle persone della professoressa Beatrice Romiti e della dottoressa Nicoletta Rinaldi. Proprio con il principale Ateneo romano è in atto un costante contatto, con l’intento di avviare una collaborazione in parallelo tra le attività della “Campaniliana” e quelle accademiche, al fine di alimentare, oltre alla rassegna e ai contributi degli ospiti, l’indispensabile ricerca letteraria intorno alle tante carte, talvolta anche sorprendenti o inedite, di Achille Campanile.