La Puglia spinge sulle attività ludiche

Cultura & Società

L’Italia è da sempre un paese dedito al divertimento e alla bella vita: il Meridione, in special modo, è una macro regione nella quale il sole, il mare e la spensieratezza fanno da padrone. La Puglia, una delle principali regioni del Sud, è senza dubbio una delle mete turistiche preferite da tutti gli italiani, soprattutto in estate. Al di là delle attrazioni turistiche, il tacco dello Stivale ha ultimamente preso una piega importante nell’ambito dei giochi virtuali, d’azzardo e non. Le tante app di giochi da casinò sono sicuramente una delle tendenze del momento anche in una regione molto legata ai giochi tradizionali come, ad esempio, le carte. Questo soprattutto perché nella regione del Tavoliere non esiste alcun casinò fisico.

Le stime più recenti illustrano un quadro piuttosto chiaro della situazione: solo nella città di Bari nel 2017 sono stati spesi 250 milioni di euro nelle varie tipologie di giochi d’azzardo, tra le quali spiccano le modalità classiche come le slot di William Hill; i portali e le app specializzate in questi giochi sono il fiore all’occhiello dell’industria moderna dei videogiochi, che vanno ormai molto al di là dei classici giochi di un tempo.

In Puglia, è ovviamente il capoluogo a tracciare le principali tendenze; i dati che seguono sono infatti rilevanti e chiari: il confronto delle abitudini di gioco tra Bari e le altre città più popolate della Puglia è indicativo. Il capoluogo con i suoi quasi 800 euro spesi per cittadino supera Taranto (528), Foggia (410), ed Andria (670), ma viene quasi raddoppiata da Lecce dove ogni cittadino ha speso per i giochi d’azzardo ben 1337 euro. La località nella quale si sono registrate meno giocate, invece, è Cerignola, in provincia di Foggia, dove a persona non si arriva a 300 euro l’anno. Questi dati offrono dunque una prospettiva particolare che indica Lecce come la città più dedita a queste tipologie ludiche.

“Indie Slot Machine” by K.Prarin Lekuthai (CC BY 2.0)

Questo tipo di gioco si sta dunque imponendo prepotentemente anche nel Sud Italia e la Puglia rappresenta uno dei feudi dove ha maggiormente attecchito. Anche allontanandosi dalle principali città come Bari e Lecce vediamo come le tendenze di gioco sono in continuo aumento. Il Gargano, una delle regioni più belle e soleggiate d’Italia, d’estate vede una serie di turisti e vacanzieri dediti a divertirsi sia con giochi classici di carte sia con le nuove applicazioni di giochi on-line, a pagamento o no. Le slot machine sono, infatti, da tanto tempo uno dei principali passatempo degli avventori dei principali bar dei paesi.

Riassumendo, sebbene non sia tra le prime regioni d’Italia in quanto a consumo e a spesa per il gioco d’azzardo, fisico o virtuale, la Puglia si sta aprendo alle attività ludiche per fomentare la propria economia. Il tutto facendo leva sulle tendenze globali del mercato del gioco, una delle tendenze più imponenti del periodo contemporaneo, con un settore che non conosce crisi o rallentamenti da oramai anni a questa parte.