Cavallino onora il patrono San Domenico di Guzman

Cultura & Società

 Tre giorni di festa in onore del santo predicatore, tra sacro e profano

CAVALLINO – Tre giorni di festa per rinnovare il tributo di fede verso il Santo Patrono. A Cavallino da venerdì 3 a domenica 5 agosto si festeggia San Domenico di Guzman, il santo Predicatore il cui culto fu introdotto in paese nel XVII secolo dalla marchesa Beatrice Acquaviva d’Aragona, sposa del marchese Francesco Castromediano e devotissima del Santo spagnolo. Venerdì alle 19, come da tradizione, in chiusura del triduo di preparazione alla festa, per le vie del paese si snoderà la solenne processione con la statua del Santo. Quando la statua sarà sul sagrato della chiesa del convento dei Domenicani, da da dove partirà al processione, il sindaco di cavallino Bruno Ciccarese Gorgoni consegnerà la chiave del paese nella mani della statua di san Domenico, in segno di affidamento alla sua protezione. Al rientro della processione, la messa solenne celebrata in piazza Castromediano dal parroco don Gaetano Tornese. Quanto ai festeggiamenti civili, il 3 suona la banda Città di Gagliano del Capo diretta da Anna Ciaccia. Sabato 4 agosto invece, in piazza ci sono i concerti bandistici Città di Racale con la bacchetta di Grazia Donateo e Città di Bracigliano, con la direzione di Carmine Santaniello. Chiusura dei festeggiamenti domenica 5 agosto con il live in piazza Castromediano del Gruppo Folk 2000 e il cabaret delle esilaranti Ciceri e Tria. Le luminarie sono firmate dalla ditta Signore di Lequile.