Legislazione fonti rinnovabili Puglia

Ambiente & Turismo

Si segnala che, con data 19.07.2018 si è proceduto alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regione Puglia della Legge Regionale n.38 del 16.07.2018 che apporta importanti modifiche ed integrazioni alla Legge Regionale n.31 del 21.10.2008 ed alla Legge Regionale n.25 del 24.09.2012 in materia di autorizzazioni alla realizzazione di impianti a fonti rinnovabili.

Comunicazione_N2
Le principali modifiche relative alle autorizzazioni per la realizzazione di impianti a fonti rinnovabili sono le seguenti:
– presentazione di una Comunicazione al Comune per gli impianti che si trovano al di sotto dei seguenti limiti:
EOLICO fino a 60 KW e fino a 500 KW se costituiti da un unico aerogeneratore;
SOLARE FOTOVOLTAICO fino a 200 KW localizzati in aree degradate;
BIOMASSA fino a 200 KW e BIOGAS fino a 250 KW.
– presentazione della SCIA per gli impianti che superano i suddetti limiti e fino ad 1 MW;
– presentazione della AUA (autorizzazione unica ambientale) per gli impianti che superano il MW elettrico o che, pur rientrando nei limiti delle procedure SCIA, necessitano di assensi/autorizzazioni ambientali e paesaggistiche di competenza diverse dal Comune.
Per le AUA relative ad impianti a fonti rinnovabili si necessita, inoltre, di: piano economico e finanziario asseverato da istituto bancario o intermediario del settore creditizio; dichiarazione attestante la disponiibilità finanziaria del soggetto proponente, attestata da istituto bancario o intermediario del settore creditizio.