Fc Bari 1908, cronaca di un fallimento annunciato

Politica & Diritti

di Nicola Zuccaro

Cronaca di un fallimento annunciato. Si potrebbe definire commentare così e caldo, parafrasando il titolo di una celebre pellicola cinematografica, l’esclusione del Bari dal calcio professionistico. Inutile l’intervento (tardivo e al tempo stesso appassionato) del duo Radrizzani e Napoli che in mancanza di una documentazione contabile dal 31 marzo al 30 giugno 2018 hanno gettato la spugna, rinunciando al rispettivo 50% e 20%, utile per il salvataggio e per il contestuale acquisto del 70% quale quota del pacchetto di maggioranza del club biancorosso. Una rinuncia che si è delineata essere ancor più chiara nel pomeriggio di lunedì 16 luglio, quando verso le 15 non era partito quel tanto sospirato bonifico che avrebbe potuto salvare una storia sportiva lunga 110 anni.

Così non è stato e alle 19 di  lunedì 16 luglio 2018, dopo che Giancaspro, al termine dell’ultimo CdA dell’Fc Bari 1908, non è riuscito a  tirare fuori dal cilindro quei 3 milioni di euro necessari per la ricapitalizzazione, i titoli di coda tanto annunciati nei giorni scorsi, sono statui lanciati sulla  sulla ” Rete “. E le strade della città, si sono trasformate in quel  Tribunale popolare presso il quale cercare il responsabile o i responsabili di questa disfatta. Deletria per l’immagine sportiva e civile – di Bari.