Fine settimana di passione per il Bari Calcio, fra morte e resurrezione

Cultura & Società

di Nicola Zuccaro

Continua a piovere sul bagnato in casa Bari, nonostante il caldo fine settimana di metà luglio che separa dalle ore 18 di lunedì 16 luglio, quale termine ultimo per evitare la ripartenza del calcio barese dai dilettanti. Dopo il vice Presidente Raoul Pellegrini, a rassegnare le dimissioni ci ha pensato anche un altro componente del Cda dell’Fc Bari 1908, nella persona dell’Avv. Francesco Biga. Un’altra prova delle crepe ormai insanabili che emergono nella struttura dirigenziale del club biancorosso e rese ulteriormente evidenti dalla partenza risalente a ieri (venerdì 13 luglio 2018 in treno da Bari Centrale) di un primo nucleo di calciatori guidati da Mauro Zironelli e da Giovanni Loseto.

E’ la fotografia che potrebbe fare da sfondo alla locandina parafrasante una celebre pellicola cinematografica dal titolo ” Week end con il Bari calcio morto ” e che per quanto pazzo nei suoi colpi di scena (ai quali se ne potrebbero aggiungere degli altri, nelle prossime ore) potrebbe preannunciare la morte clinica dell’Fc Bari 1908. E per evitarne sia questa che quella cerebrale, il tempo, comincia a essere tiranno nonostante gli ultimi quanto disperati tentativi del sindaco di Bari, Antonio Decaro che in queste ore, sta conducendo un’opera di persuasione nei confronti di alcuni imprenditori per l’acquisizione del pacchetto di maggioranza richiedente una ricapitalizzazione pari a tre milioni di euro.

 Ma nel contempo c’è una tifoseria che, rimpiangendo i Matarrese, dopo gli striscioni affissi in alcuni punti della città nella giornata di venerdì 13 luglio, vorrebbe evitare – coi dovuti necrologi – di partecipare al funerale del Footbal Club Bari 1908, con la conseguente scomparsa del calcio professionistico nel capoluogo pugliese.