Sospesi i tg LIS sulle emittenti regionali

Cultura & Società

Laricchia (M5S): “Emanare al più presto nuovo bando”

Dal 30 giugno scorso i TG Regionali delle emittenti locali della Puglia non usufruiscono più del servizio di traduzione LIS (Lingua dei Segni Italiana). Le proroghe al primo (e unico) bando emanato dalla Regione nel lontano 2013 per assegnare il contributo sono concluse, senza però l’apertura di nuovo e dovuto bando.

“Il servizio di interpretariato – spiega la consigliera Laricchia – è sempre stato bene accolto dalla comunità dei sordi, un servizio unico nel suo genere per qualità e per la particolarità della sottotitolazione offerta. Basterebbe copiare il vecchio bando, che includeva anche il giusto riconoscimento delle figure professionali a cui affidarsi, ed emanarlo senza perdere ulteriore tempo. Oppure, come fu proposto dall’ENS (Ente Nazionale Sordi) già due anni fa, consolidare la spesa nel bilancio ordinario. Abbiamo anche appreso da un comunicato dell’ENS come dagli uffici regionali fosse arrivato l’impegno di pubblicare il nuovo bando entro la metà di luglio. Ora chiediamo alla Giunta di passare dalle parole ai fatti”.

Il M5S ha depositato oltre un anno fa una proposta  di legge per la promozione della LIS, con la finalità di favorire l’inclusione delle persone sorde soprattutto nelle scuole e negli uffici pubblici, di cui ancora si attende la calendarizzazione.

“Confidiamo che la Giunta e il Consiglio conclude Laricchia – si mostrino sensibili al tema e non perdano altro tempo. L’obiettivo è la diffusione e il riconoscimento della LIS per una vera integrazione tra il mondo degli udenti ed il mondo dei sordi. Nessuno deve rimanere indietro”.