Il degrado continua ad interessare il sottopasso pedonale

PRIMO PIANO

BARI – Il degrado continua ad interessare il sottopasso pedonale che collega viale Capruzzi con via Dieta da Bari, già noto alle cronache per l’aggressione ad una donna che aveva fatto emergere oltre alla poca sicurezza del tratto (importante collegamento tra i quartieri Carrassi e Madonnella), anche l’indecoroso stato di manutenzione e pulizia dello stesso.

Stavolta, con la denuncia dei Giovani di Forza Italia, si è assistito ad un ulteriore atto vandalico consumato nell’ascensore destinata alla mobilità dei disabili, resa inagibile, nei limiti della civiltà, dal ritrovamento di feci di indubbia natura, nonostante si fosse in un luogo pubblico, nonostante ci fossero le telecamere di sicurezza, quindi in barba ad ogni tipo di decoro urbano. Come in una commedia demenziale il cittadino sporcaccione di turno ha pensato bene di liberarsi di ogni bisogno fisiologico come se fosse nella giungla tra gli animali selvaggi allo stato brado, dimenticando che il suolo da concimare non era un terreno fertile, ma il pavimento asettico della cabina di un ascensore.

“Ancora una volta assistiamo al materializzarsi del massimo livello di degrado in questa città, una città che tende ad arretrare, anzichè progredire” – denuncia Danilo Cancellaro, coordinatore cittadino Forza Italia Giovani – “Ci chiediamo: com’è possibile che si possa espletare i propri bisogni all’interno di un ascensore videosorvegliato senza subire nessuna conseguenza? Due sono le probabili risposte: o le telecamere non funzionano oppure le telecamere non sono controllate da nessuno di competenza, considerando il fatto che di sera il sottopasso diventa terra di nessuno e luogo pericoloso per chiunque si avventuri nell’attraversarmento. Nonostante questa non sia la nostra prima denuncia in merito (agosto 2017 la precedente), la situazione non è per niente mutata nonostante gli interventi promessi dall’amministrazione comunale ed è praticamente assurdo constatare come a distanza di quasi un anno la situazione sia esattamente la stessa, se non addirittura peggiorata. Pertanto, chiediamo al sindaco Decaro di andare sul luogo e rendersi conto del livello di degrado ed inciviltà, affinché possa intervenire per ripristinare la normalità che pretendiamo venga attuata nel giro di pochissimo tempo”