Agricoltura ecosostenibile, green economy e sviluppo del territorio

Politica & Diritti

BARI – Si è concluso a Bari, presso la sala consiliare della città metropolitana,  il convegno sul tema: ” Agricoltura ecosostenibile, dalla green economy allo sviluppo del territorio”  con l’avvio di un percorso che intende giungere alla creazione di un biodistretto del cibo. Tra prospettive e allarmi legati all’inquinamento da pesticidi e scarsità di risorse in proiezione futura.

E’ intervenuto il dott. Vito Amendolara, delegato confederale “Coldiretti Bari “, con la sua esperienza di dirigente della coldiretti di Puglia e Campania, ex assessore agricoltura della Regione Campania, ha precisato, che in un mercato molto competitivo, è necessario prestare attenzione, alla qualità, dei  prodotti agroalimentari dando la priorità ai prodotti ,  made in Italy, leggere con attenzione le varie etichette dei relativi prodotti, considerare l’agricoltura utile ai produttori e ai consumatori,  come produzione agroalimentare e come sviluppo del territorio anche a livello sociale. In riferimento a questi propositi, si nota ultimamente un impegno anche da parte dei giovani ad impegnarsi come imprenditori agricoli per valorizzare l’ agricoltura ecosostenibile:

Si è parlato dello strumento più potente e più regolato, delle politiche regionali; IL PSR con 3 permanenti obiettivi trasversali: Ambiente, Mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento ai medesimi, con innovazione.

Le politiche regionali: la LR 43/ 2012 per il sostegno dei GAS e la promozione dei prodotti agricoli da filiera corta , a chilometro zero, di qualità. Un esempio di azione di indirizzo ( ancora poco utilizzata) perchè : – definisce i prodotti agroalimentari a filiera corta ( distribuzione diretta dal produttore al consumatore) e i prodotti agroalimentari a chilometro zero ( trasporto da luogo di produzione a luogo consumo .

All’interno dell’Unione Europea, si parla di Agricoltura convenzionale, agricoltura integrata e agricoltura biologica.

L’ Agricoltura convenzionale, utilizza concime e diserbanti e prodotti fitosanitari chimici di sintesi senza aderire a nessuna prescrizione. Per l’UE dal 2014 non dovrebbe esiste più sostituito dal livello base di agricoltura integrata;

L’agricoltura integrata, sistema agricolo di produzione a minore impatto ambientale in quanto integra le azioni agronomiche con l’uso coordinato e razionale di concimi, diserbanti e prodotti fitosanitari chimici di sintesi e risponde alla condizionalità della PAC a 2 livelli.

L’importanza dell’agricoltura biologica, che è il metodo di produzione riconosciuto e normato dal regolamento UE 834/07 e 889/8 che stabilisce gli standard di produzione e istituisce il sistema di controllo e certificazione.

L’Agricoltura biologica è il modello sostenibile di agricoltura, sostenibilità oggi significa modificare sostanzialmente comportamenti e consumi.

In riferimento al tema ” Agricoltura ecosostenibile, dalla grren economy allo sviluppo del territorio” sono intervenuti anche il dott. Gaetano Pascale, presidente Slow Food Nazionale, evidenziando l’importanza , anche, dei prodotti agroaliementari della murgia barese, dalla pasta di Gravina, legumi e altri prodotti che ha avuto modo di apprezzare in occasione della mostra internazionale dei legumi svoltosi a Napoli, ultimamente.

il dott. Cesare Troia, Vice Presidente Parco Nazionale della Murgia;

E’ stata evidenziata, l’importanza, della creazione di reti qualificate con comuni, città metropolitana, associazioni e coinvolgimento della scuole, con l’intervento dei  sindaci del Comune di Cassano Murge, la dott. Maria Pia Di Medio e il Sindaco di Poggiorsini dr. Michele Armienti, anche in qualità di Presidente del GAL; il dott. Domenico Campanile, dirigente di sezione Dipartimento agricoltura, della Regione Puglia; la dott. Elena Saponaro, Direttore del Museo Nazionale Archeologico di Altamura, del Museo Jatta di Ruvo e Castel del Monte;Il Dott. Vincenzo Vizioli, Presidente AIAB Nazionale; il Prof. Giuseppe Marsico Vicario DISAAT Dipartimento di scienze agro ambientali e territoriali; il Prof. Francesco Palmirottta, Presidente CEA Centro educazione ambientale Solini Village; la dott. Rachele Invernizzi Vice Presidente Federcanapa; la prof. ssa Angela Gasbriella D’Alessandro Dipartimento Agro-Ambientali e Territoriali, Università di Bari; Marcello Longo Presidente Slow Food Puglia;

il Prof. Francesco Palmirotta, Presidente CEA Centro educazione ambientale Solini Village, ha parlato di una nuova idea di città, la ferrovia gommata sospesa, ” La metropolitana sostenibile” proposta di Vito Ninivaggi, agricoltore, con la dote dell’inventore, ha inventato e brevettato un mondo nuovo ma economico e innovativo sistema di trasporto urbano, chiamandolo, ferrovia gommata sospesa, NTC a garanzia della mobilità urbana cittadina, del rispetto dell’ambiente e delle più elevate qualità della vita nelle città, iniziamo da qui a costruire il nostro futuro, più verde e sostenibile, si può, costruiamo il progetto pilota, ferrovia gommata sospesa, progetto salvapianeta, a costo zero, a garanzia della mobilità urbana cittadina, del rispetto dell’ambiente e della più elevata qualità della vita nelle città. con l’adesione dei comuni di Altamura, Gravina in Puglia, Matera e altri comuni disponibili alla realizzazione  del progetto pilota ” ferrovia gommata sospesa”

Il convegno, si è svolto a seguito del successo della prima edizione del Festival Italiano dello Sviluppo Sostenibile, con i 221 eventi organizzati su tutto il territorio nazionale, ha dimostrato che la società civile, le università, gli enti e tanti soggetti del mondo economico, sono pronti ad impegnarsi per costruire, pur nelle difficoltà presenti,  un futuro più equo e sostenibile per l’ Italia e i suoi cittadini.

L’impegno dell’ Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile ( ASviS) per portare il nostro Paese su un sentiero di sviluppo sostenibile si rinnova con l’edizione 2018 del Festival, che si preannuncia ancora più ricca della precedente per numero, varietà e contenuti degli eventi.

Ha moderato il dott. Onofrio Bruno;

Il convegno promosso dalla Coldiretti di Bari, rappresentata dal Dott. Vito Amendolara;  dalla città Metropolitana, che ha portato il saluto il consigliere dott. Antonio Stragapede e dall’ associazione Comunicaetica – murgia.org, rappresentata dalla dott. Maria Caserta, con la collaborazione del Festival dello sviluppo sostenibile 2018, dall’ ASVIS, Regione Puglia, Comune di Cassano Murge, Comune di Matera, Parco Nazionale dell’ Alta Murgia, MIBACT, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Franco Nacucchi