1° Corso di Alta Formazione in “Professione Giornalista”

Scuola Teledidattica Italiana di Giornalismo

07 novembre 2015
Immagine

Il settore dell’informazione è in forte cambiamento. L’innovazione tecnologica sta velocemente cambiando le modalità di “Fare Informazione”. Sono cambiate anche l’esigenze degli utenti. Soprattutto, i più giovani richiedono un’informazione più veloce, leggera ed interattiva. Con l’avvento di internet è finalmente scoppiata una “Vera Concorrenza” tra gli operatori dell’informazione. In questo nuovo scenario, le classiche competenze professionali del giornalista non bastano più. Servono nuove professionalità tecniche, organizzative, comunicazionali e commerciali per rispondere adeguatamente alle nuove esigenze del mercato. E’ in declino la figura del “Giornalista Dipendente”. Il mercato richiede una nuova figura professionale : quella del “Giornalista Free Lance”. Un Lavoratore Autonomo che considera gli editori “Clienti da Soddisfare” e non “Datori di Lavoro”.

1° Corso di Alta Formazione in “Professione Giornalista”

Corso di Formazione alla Professione di Pubblicista e Giornalista e per l’ Aggiornamento di Pubblicisti e Giornalisti Professionisti

La Federazione Italiana Lavoratori Emigranti, l’Associazione Italiana Pubblicisti e  Giornalisti Liberi,  il  Quotidiano Internazionale on line “ Il Corriere di Puglia e Lucania”, organizzano il 1°  Corso di Alta Formazione “Professione Giornalista”  riservato ai laureati di Università italiane o straniere, statali o legalmente riconosciute e nei Corsi di Laurea di tutte le Facoltà italiana e straniere.

L’accesso è consentito inoltre ai laureandi e laureati dei Corsi di Laurea specialistica previsti da tutte le classi del D.M. 28 novembre 2000 e dei Corsi di Laurea Magistrale previsti da tutte le classi del D.M. 16 marzo 2007.

Finalità del Corso

Il  Corso di Alta Formazione in “ Professione Giornalista” vuole formare giovani giornalisti il cui capitale professionale di partenza sia la capacità di sapersi e potersi avviare a tutte le diverse forme ed a tutte le diverse specializzazioni del giornalismo. Questo obiettivo può essere raggiunto solo integrando sistematicamente l’approccio culturale e quello professionale al giornalismo. Obiettivo dell’impianto didattico è dunque la comunicazione sistematica tra le discipline accademiche e quelle specificamente giornalistiche. E’ necessario che gli studenti imparino tanto a praticare, quanto a pensare e ad interpretare il giornalismo come espressione e comunicazionale libera, scevra da pregiudizi e condizionamenti politici e d’ogni altro genere, come servizio formativo ed informativo al servizio dei cittadini. Solo per questa strada i corsisti che si impegneranno al  massimo nel percorso formativo ( lezioni, stage, tirocini e prove pratiche) potranno essere pronti a lavorare nei diversi “giornalismi” che il mondo della comunicazione oggi conosce e propone e potranno, nel contempo essere pronti ad aggiornare costantemente competenze e culture professionali, lungo tutta la loro carriera. L’integrazione tra teoria e pratica trova il suo terreno migliore nella formazione sia tradizionale che multimediale al giornalismo. L’impianto didattico del Corso è interamente orientato in questa direzione. stampa, radio, tv, web, netwok trovano uguale spazio e approfondimenti nel piano degli studi, nella convinzione che quel capitale professionale di partenza non sia veramente tale se non è capace di esprimersi con tutti i diversi mezzi, e tutti i diversi media frequentati oggi dal giornalismo più avanzato.

Obiettivi del Corso

Il Corso  si propone di preparare figure professionali versatili e capaci di passare dall’uno all’altro settore dei media, con una forte sensibilità per le situazioni di contesto (politico, sociale, culturale, economico, scientifico e tecnologico) in cui operano, con un profilo internazionale e aperto all’innovazione tecnico-scientifica, con una forte sensibilità etico-valoriale e una responsabilità per i risvolti deontologici e di tutela dei diritti individuali. Il Corso si propone, altresì, come percorso finalizzato alla acquisizione ed alla implementazione di ulteriori conoscenze in materia, di migliorare ed ottimizzare le abilità tecniche necessarie per esercitare la professione di pubblicista/giornalista e migliorarne le performance professionali. A conclusione del Corso di Alta Formazione “Professione Giornalista” verrà rilasciato ai partecipanti un Attestato ( controfirmato dai docenti del corso e dai partner dello stesso ) che certificherà l’acquisizione delle conoscenze  e delle specifiche abilità per intraprendere/esercitare la professione di giornalista; il Corso di Alta Formazione è valido come percorso formativo di aggiornamento così come richiesto e previsto dall’art. 7 del D.P.R.  n. 137/2012.

Sbocchi occupazionali:

I settori occupazionali di riferimento nei quali i corsisti potranno trovare lavoro sono:

  • giornali (quotidiani e periodici)
  • agenzie di stampa
  • case editrici
  • radio e televisione
  • internet
  • uffici stampa (settore privato, istituzioni, Regioni, Enti locali, Enti piubblici)

Per preparare in modo adeguato  alla “Professione di Giornalista” gli studenti laureandi, quelli   laureati, i praticanti giornalisti e pubblicisti, i pubblicisti e i giornalisti professionisti, la Federazione Italiana Lavoratori Emigranti e l’Associazione Italiana Pubblicisti e Giornalisti Liberi – AIGPL stanno attivando convenzioni di stage e di tirocini con numerose aziende editoriali e testate giornalistiche e televisive per effettuare nelle loro sedi stage e tirocini formativi

Al Corso di Alta Formazione potranno essere ammessi, previo colloquio selettivo, un minimo di 20 allievi sino ad un massimo di 25 corsisti

Gli allievi verranno  selezionati tra gli aspiranti pubblicisti e giornalisti ed i pubblicisti e giornalisti professionisti in possesso di un diploma di laurea conseguito in Italia o all’estero legalmente riconosciuto nei corsi di laurea di tutte le facoltà; l’accesso inoltre sarà consentito ai neo laureandi (regolarmente iscritti all’ultimo anno del relativo corso di laurea, in regola con gli esami e che abbiano già stabilito la data della loro seduta di laurea) ed ai laureati dei corsi di laurea specialistica previsti da tutte le classi del D.M.  28 novembre 2000 e dei corsi di laurea magistrale previsti dal D.M. 16 marzo 2007 ed affronteranno un percorso didattico formativo che durerà non meno di 6 mesi e che prevede 40 ore di didattica in aula , 80 ore di laboratori tematici, e 80 ore di tirocinio  per un totale di 200 ore complessive suddivisi in 10 moduli da 20 ore

L’attività formativa sarà svolta in collaborazione con l’ Università degli Studi di Bari, Dipartimento di Scienze della Formazione e della Comunicazione e con  alcune tra le più prestigiose testate giornaliste, televisive, case editrici, agenzie giornalistiche e quotidiani on line, al fine coniugare la formazione accademica con quella pratica, in modo da assicurare la padronanza tanto delle competenze culturali e tecniche, quanto dei principi necessari per il corretto esercizio dell’attività giornalistica.

Percorso didattico

L’attività didattico formativa complessiva è suddivisa nei seguenti moduli:

-Storia del Giornalismo

-Storia Contemporanea;

-Sociologia della comunicazione;

-Relazioni internazionali e politica globale;

-Fotogiornalismo

-Modelli di giornalismo e Media internazionali

-Giornalismo d’Agenzia

-Etica e Deontologia professionale

-Tecniche di ripresa e di montaggio

-Linguaggio delle immagini

-Dizione e prossemica

-Public Speaking e Comunicazione efficace

-Giornalismo scritto ( cucina di redazione)

-Giornalismo on line

-Giornalismo televisivo e radiofonico

-Discipline tecniche per la formazione giornalistica;

Percorso Formativo

Il Corso prevede le seguenti attività formative:

Stage/Periodi di formazione presso Testate giornalistiche e televisive, Case editrici e Agenzie di stampa. Gli obiettivi dei periodi di pratica guidata rappresenteranno l’approccio con le realtà operative e la conoscenza dei meccanismi relazionali. A conclusione del Corso i partecipanti sosterranno una prova finale  consistente nella redazione di un articolo o di una inchiesta giornalistica.

Quotidiani Nazionali e  Regionali con i quali sono in corso contatti per accordi di stage e laboratori didattici .

I docenti della scuola sono professionisti, giornalisti, tecnici della comunicazione